Volare si Può, Sognare si Deve!

Trilogia di G.B.


VASTITA'

Quando sei lontana il mio animo si strugge,
e per evocarti, nel silenzio della notte
"grido" muto il tuo nome...nella speranza
che tu possa sentirlo e renderlo vivo .
Nel "nostro" letto la mia mano ti cerca,
ma tu non ci sei ... resta solo il profumo
del tuo corpo, che sa di spezie salmastre ,
di odori screziati di pini ... tamerici ...e ginestre.
Nella vastità del mare rivivo la grandezza
del sentimento che porto dentro per te e
nel vento impetuoso che spira da ponente
riconosco l'intensità del tuo amato candore
Tutta la natura che mi circonda sa di te...
mi avvolge , mi inebria, mi stordisce,
in una ebrezza dei sensi infinita..... così,
per dimenticare e saperti ancora "mia" .
g.b.
EMOZIONI

Per te, posso scrivere i versi più belli...
ma non hanno la stessa intensità
che sprigiona la tua presenza.
Emozioni... vibranti come violini ,
vulcani ribollenti di lava e fiumi
tumultuosi, che scavano la roccia.
Vortici impetuosi che mi portano
in alto , in cima alle stelle
e mi lasciamo ricadere lentamente .
Una discesa lenta , planata ,
avvolta nel silenzio .... oblio,
dove poterti pensare e pensarti ancora.
Così mi fai sentire, quando ti sento,
felice fino al profondo dell'anima,
come l'innamoramento che porto dentro.
g.b.
AURORA

Nel tuo ricordo mi risveglia l'aurora.
Figura diafana nella penombra della stanza,
colma della tua presenza.
Ti muovi leggiadra a piedi nudi....
vestita di soli ricami di luce.
Un fremito di ciglia.... che sprigiona
un'ondata intensa e poderosa.
Impalpabile entità......
dove potersi abbandonare,
in un silenzio senza fine.
Rapito avverto la fragranza
del tuo profumo struggente ....
essenza che ristora il pensiero.
Tutto in me si riconcilia
e rimane solo una melodia.....
che rintocca come una campana felice.
g.b.

 

1 Commento

  1. Franco Simula

    Le tre poesie sono un inno all’amore. Ma non un inno all’amore astratto, platonico: no! sono un inno all’amore che si identifica in qualcuno, in una donna, in questo caso. Chi canta l’amore di questa trilogia non sta pensando a una donna qualsiasi, sta pensando alla “sua”donna. L’esordio di VASTITA’ è un grido d’aiuto, un “grido” muto che non sempre può essere percepito, il “grido”di uno che cerca conforto in una presenza che -solo per un attimo- non c’è, ma della quale è rimasto il profumo. Per esprimere l’immensità dei suoi sentimenti -ricambiati- l’autore ricorre alla vastità del mare, alla forza impetuosa del vento, ma non basta: tutta la natura “sa di te” ed è disposta a formare un vortice che lo avvolge, lo inebria, lo stordisce, sino a dimenticare gli attimi di lontananza e “saperti ancora mia”. Nella seconda poesia si passa in rassegna il prorompere di emozioni forti ispirate dalla sua “musa”. In AURORA tutto diventa più sereno, più maturo, riassunto nella leggiadria del movimento di una donna “vestita di soli ricami di luce… impalpabile entità dove potersi abbandonare in un silenzio senza fine”. Il silenzio, appunto, è un motivo che ricorre nelle tre poesie, che sembra essere il motivo impalpabile che avvolge in tutte le forme la sua donna “in un silenzio senza fine”. L’altro elemento ricorrente di questo inno all’amore è il fascino struggente dei profumi che da Lei promana: quel profumo che nasce violento e inebria e quasi stordisce, ma che -raddolcendosi- diventa “essenza che ristora il pensiero”.Ma di chi si possono scrivere tenerezze di così dolce intensità se non della persona che ami e che ti respira accanto?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close