Volare si Può, Sognare si Deve!

MA CA E’ CHISTHU PARK? di Mario Marras


Volentieri pubblico la poesia scritta dal mio carissimo amico e poeta Mario Marras per noi dell’Associazione Parkinson Sassari e magistralmente letta dal poeta Antonello Bazzu entrambi fondatori e animatori di Sinuaria Poetarum. Grazie, amici, a nome del direttivo e di tutti i componenti dell’associazione.

Dora Corveddu


MA CA E' CHISTHU PARK?

“M’era piazuddu - ha dittu me’ zia Dora -
attuppazzi cun voi, amigghi veri,
pa’ imparthizzi puisii e casche fora
chi lu cori zi fozziani lizzeri!”

No pudia rifiutà chisthu piazeri,
l’amigghi so priziosi e impurthanti
e chisthi so ipiziari, so sinzeri,
ischribini eddi puru e poi…so tanti!

Hani gana di fa, d’isthà umpari,
lu mari brazzi e mani l’ha niziaddu,
ma lu zaibeddu è sincaru e assai vari,
cussì lu signo’ Park è ingraugliaddu!

Tandu la sera propiu disizadda
erami tutti in zozza, indillaraddi,
e la puisia è parthudda diricadda
e li racconti allegri e indiusaddi:

Franzischu, Dora, Eugenio e Antuneddu,
Giannella, Mario e l’althra cumpagnia
no s’hani posthu nisciun tasthaveddu
pa’ fa li cosi seri in alligria.

E puru cu’ li mani trimmurendi,
caschunu ha dittu lu c’abia in pettu
e pa’ Gianni chi era un be’ suffrendi,
un ammentu, un carignu e tant’apprettu,

acchì la vidda è bedda puru candu
lu coipu zi ripondi propiu mari;
ma si la menti nostra è sana, tandu
si po puru ciunfrà cu’ li cumpari.

E poi chisthu Park…ma car’è?
cosa vo assè, paddronu di lu mondu?
In cori di timoria no vi n’è,
noi lu cumbattimmu finz’a fondu

cun l’alligria e lu bonumori ,
pa’ fazzi immintiggà la maraddia
e diggirì puru lu ranziggori.
E fallu a fronti altha è garania!
MA CHI E’ QUESTO PARK?

“Mi sarebbe piaciuto – ha detto mia zia Dora –
incontrarci con voi, veri amici,
per condividere poesie e qualche racconto
che alleggeriscano il cuore!”

Non potevo rifiutare questo favore,
gli amici sono preziosi e importanti
e questo sono speciali, sinceri,
scrivono anche loro e poi…sono tanti!

Hanno voglia di fare, di stare insieme,
il male ha indebolito braccia e mani,
ma il cervello è integro e vale tanto,
così il signor Park è ingannato.

Allora la sera tanto attesa
eravamo tutti in fibrillazione, in delirio,
e la poesia è partita delicata
e i racconti allegri e intriganti:

Francesco, Dora, Eugenio e Antonello,
Giannella, Mario e gli altri
non si sono posti problemi
per fare le cose serie in allegria.

E anche con le mani tremanti,
qualcuno ha detto ciò che aveva in cuore
e per Gianni che soffriva molto,
un ricordo, una carezza e tanto affetto,

perché la vita è bella anche quando
il corpo ci risponde proprio male;
ma se la nostra mente è a posto, allora
si può anche scherzare con gli amici.

E poi questo Park…ma chi è?
Vuol essere padrone del mondo?
Nel cuore non c’è paura,
noi lo combattiamo fino alla fine

con allegria e buonumore,
per farci dimenticare la malattia
e digerire anche l’amarezza.
E farlo a fronte alta è dignitoso!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close