Volare si Può, Sognare si Deve!

Su carrareddu de sos copiolos traduzione di Franco Simula



Est Nadale. Tra basos, cori cori
e duru duru, los giogat in coa
bisende pro sos fizos vida noa
in brajeri cun fogu mori mori.

“Occannu sa Befana ismemoriada
s'appentu che lu 'attit de abberu?”
preguntana a su babbu in disiperu
ch'est da-e tempus chene zoronada.

Lis fattesit, pro donu de Nadale,
su carrareddu, cun boes de cau
de triguindia, in corros de giau
bellos e allorados a giuale.

Pariat beru. Atteros appentos
non tenian; a muccu fala-fala
e manizende cucciare pro pala
lu garrigan de sonnios, cuntentos.

Anghelos in bestire istrazzuladu
sos copiolos giogan in carrela:
unu mossu peromine de mela,
unu mossu de pane intostigadu.

Unu riccu fedale chi fit usu
d'haer tottu, inganadu, s'imbarat:
-Sa dondoletta elettrica -lis narat-
bos do pro cussu carru e, in piusu,

sa perra manna d'unu panettone!-
Non resessit a los imboligare
su segnorinu. Sighende a giogare
e mossighende su tostu cogone:

-No mai! -li riponden, carignende
cuddu poveru appentu cun amore-
Nde devimus carrare su laore
chi babbu a sos padronos est zappende!-

Giuliano Biglianu Branca
Il carrettino dei gemelli

E' Natale. Tra baci, carezze
e duru-duru, li trastulla in grembo
sognando per i figli nuova vita
sul braciere col fuoco quasi spento.

“Quest'anno la Befana smemorata
ce lo porterà davvero un giocattolo?”
chiedono al padre intristito
perché da molto è disoccupato.

A loro costruì, per dono di Natale,
un carro a buoi con pannocchie
di granturco, con due chiodi per corna
belli e aggiogati con funi.

Sembravano veri. Non avevano
altri giochi, col moccio che colava,
maneggiando un cucchiaio come pala
contenti, lo carican di sogni.

I gemelli giocano in strada,
come angeli col vestito stracciato,
un morso di mela per ciascuno,
e poi un morso di pane indurito.

Un coetaneo, ricco, abituato
ad aver tutto, incuriosito, si ferma:
-Una dondoletta elettrica- gli dice
- Vi dò, in cambio del carretto, e in più,-

- metà di un panettone!-
Ma non riesce a convincerli
il signorino. Continuando a giocare
e sempre morsicando pane duro:

-No, mai!- gli rispondon carezzando
il povero giocattol con amore.
-Dobbiamo trasportare i frutti
che babbo sta zappando pei padroni!-

Traduzione di Franco Simula

Natale 2021

Dato che siamo ormai in piena atmosfera natalizia  ho voluto proporre la lettura di questa intensa e commovente poesia in lingua sardo-logudorese di Giuliano Branca (Biglianu) poeta sennorese nato nel 1919 e scomparso nel 2002.    Era nato tetraplegico, visse la vita in carrozzella  e da questa cattedra di sofferenza e solitudine ha saputo impartire, con umiltà, lezioni di umanità, di amore e di cultura diventando un gigante della poesia sarda degli anni80/90. Ha vinto numerosi premi di poesia sarda. La sua opera più significativa s’intitola “Caminende cun sa rughe”

2 Commenti

  1. Farris Egle

    Caro Franco ,grazie per avere letteralmente riportato alla mia memoria episodi sepolti nel più profondo di me . Non conoscevo sino ad ora questo delicato poeta che ho letto prima in lingua originale e poi in un italiano che ne ha rispettato il primitivo significato .Non solo . Io ho veramente vissuto quell’epoca e ricordo con una vena appassionata quei carri .Infatti anche noi bambinelle giocavamo con quelle piccole cose che tutti potevano permettersi .Solo che i carri per i maschi erano tali quali quelli descritti in queste dolcissime righe ,quelli delle bambine erano di ferula .Comunque le cose fossero ,era la grande povertà che aguzzava le menti per dare una gioia ai bambini che poco o nulla avevano e i genitori si industriavano ,senza perdere la dignità, a regalare un gioco ed un sorriso ai loro piccoli . Un abbraccio caro Egle

    Rispondi
  2. Kai Paulus

    Mille grazie, Franco, per averci presentato Giuliano Branca con questo incredibile dipinto natalizio. In questa breve poesia c’è tanta roba: l’umile povertà, la ricca avidità, i ricordi natalizi, il natale di una volta, la serenità dei ragazzi poveri ma grati che giocano rispettosamente con il dono del padre, la famiglia, la semplicità.
    Questa poesia ha ancora validità oggi, la leggerò ai miei ragazzi (nella traduzione di Franco ovviamente).

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close