Volare si Può, Sognare si Deve!

Racconto breve – il tram n° 77 testo di G.B.


Sei precipitata nel mio cuore prima ancora di conoscerti, con l’ irruenza del destino;

il tuo il sorriso, lo sguardo, l’incedere,  erano già  parte di me, mancava la tua figura, la tua presenza ; sapevo che saresti arrivata e ti  avrei riconosciuta al primo sguardo del nostro primo incontro.

Così pensava Emiliano nel suo intimo, < ” la sua donna  l’avrebbe  riconosciuta tra mille ” > ,  doveva  aspettare,  doveva solo aspettare.

Nell’attesa, nel suo girovagare di  giovane pubblicista “freelance” di un giornale sportivo, non aveva disdegnato amicizie con colleghe e altre amiche occasionali; ma erano state storie sentimentali di poco conto, relazioni superficiali, prive  di veri sentimenti amorevoli  e nessuna  sopravviveva all’usura  del tempo; rapporti, per così dire,  vissuti e consumati in fretta, senza pretese ne rimpianti.

Il suo lavoro, nella scala dei valori , era al primo posto; era così importante da decretare la fine di un rapporto prima ancora che lo stesso mettesse radici.

Le relazioni , semplicemente finivano,  senza “lacrime” ,  e di loro rimaneva solo uno sbiadito ricordo, poi dimenticato.

Poi, fu l’incontro galeotto, nel tepore di una primavera  incipiente, alla fermata  dei  tram  n° 19 – e  n° 77 – di piazzale Loreto.

<Quando sono arrivato, lei era già in attesa del tram, lo sguardo fisso  sul cellulare, estraniata da tutto,  si distingueva da quanti gli erano intorno>.

Una figura snella, decisamente alta,  ben proporzionata nel jeans attillato; mocassini,  camicetta in tinta , e blazer  poggiato sul braccio completava la sua  “mise minimalista”;  la sola concessione alla civetteria  femminile era la  borsa firmata che teneva a  tracolla.

Nel vedere la sua figura così appropriata, d’istinto, mi sono rivolto a lei chiedendole  < ” il  – 77 – è già passato ?! ” ( …. )>  lei,  sempre confinata sul suo  cellulare non dava ascolto , perciò , schiarendomi la voce, in modo da attirare la sua attenzione, ho ripetuto la domanda con tono più alto  – dopo  un tempo che a me  è sembrato lunghissimo, disinvolta, ha rivolto il suo viso al mio.

Nel voltarsi,  con gesto naturale, i suoi capelli  castani  si sono scomposti e lei li ha ravviati intrecciandoli tra le dita, così da rivelarmi  il suo volto (….) !!

In quel preciso momento un tumulto di sentimenti mi è esploso dentro, – non ho  sentito la sua risposta – ,  ma uno  scossone che mi percuoteva l’anima !!.

L’ incarnato del viso esaltava il sorriso aperto,  la voce flautata,  che  in quel momento poteva aver detto qualunque cosa, mi giungeva come una musica che stordiva i sensi,  e il suo sguardo diretto, color ambra,  penetrava il cuore artigliando i battiti  che acceleravano senza ritegno.

Era Lei ( ….. )!! a conferma,  il raffinato e semplice modo di porsi, che denotava una personalità decisa  e tenera al contempo, mi aveva già conquistato.

Comicamente confuso,  <ho solo occhi per il suo viso radioso > ,  mi rendo  conto  che mi guarda con espressione divertita , (….) < mi scuoto > , e la sola cosa che riesco a farfugliare dopo essermi ripreso é : < ” in attesa del prossimo tram, posso offrirle un caffè ” ?! >  lei,  sempre più divertita annuisce chinando la testa di lato !!  così , con sguardo complice ci  avviamo  al bar dell’angolo  (…..)  incontro al nostro caffè e la nostra storia !!

Epilogo:

Non è dato sapere se la storia tra Emiliano e Ludovica, questo è il nome di LEI, sia sbocciata  e loro siano le due anime gemelle  che la storia promette.

Il lettore può dare il seguito che preferisce;  a me resta il gusto del racconto e il sottile confine confuso  tra realtà e sogno.

g.b.


1 Commento

  1. Farris Egle

    Prima di tutto ,bravissimo ,hai ripreso a scrivere e già questo è un traguardo .Non pensare sempre a Mr Park ,lo so che è difficile ignorarlo ma dobbiamo farlo .E veniamo a quel delizioso tram 77 , numero 77 …E’ un numero che significa amore e comprensione incondizionati,scelto ad hoc o è casuale? Sembrerebbe ad una prima lettura un piccolo episodio della vita di molti di noi ,dimenticabile.Invece scavando nelle parole si intuiscono delicati sentimenti (sognati ,desiderati?)che ci portiamo appresso come una valigia.E che non dobbiamo dimenticare, per sempre.Ho pensato ad un amore iniziato e mai scordato forse si e forse no ,ma perennemente con noi.Gli occhi di lei, radiosi, sarebbero il ricordo immutabile,un dolcissimo amarcord inesauribile. E non importa come la storia termina ,l’abbiamo vissuta . Ciao GB EGLE

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close