Volare si Può, Sognare si Deve!

Moloch 19 :: di G.B.


Lungo tempo è passato,

ma la sua insaziabile ingordigia

non si è spenta.

L’immondo Moloch continua a vivere,

seminando distruzione e angosce .

Le sue fauci , lorde di sangue innocente,

reclamano ancora  vittime sacrificali

per saziare la sua infame voracità….

La sua nefasta opera distruttrice

non prevede distinzioni,

il suo essere non contempla il sentimento

e in lui non alberga la carità.

Perpetra  il suo perverso sterminio,

perché questo è il  suo credo ,

il fine ultimo per il quale è stato “creato”.

Infido…. grondante di fetidi umori

si annida negli anfratti più reconditi

per non esserne esiliato ,

pronto a rinascere nella perversa  metamorfosi

che è capace di mettere in atto

prima di essere  “processato” e morire.

Per quanto tempo ancora dovremo subire questa ferocia ?!

Forse  fino quando le nostre forze si esauriranno …. ?!

E chi sarà alla  fine  il vincitore della famigerata  disputa ?!

Quasi certamente  gli uomini  !!!

Forse …. gli stessi che lo hanno  colpevolmente  “generato” !!!

g.b.


 

6 Commenti

  1. g.b.

    Proprio così, carissimi Franco e Kai, “questo è l’uomo”!
    Creatura enormemente geniale; genitrice di impagabili scoperte e smisurate nefandezze.
    Due volti della stessa moneta!
    Per questo, dopo la severa batosta subita , noi di comune intesa, auspichiamo che prevalga nell’immediato futuro, il volto nobile delle due facce della moneta.

    Rispondi
    1. Kai Paulus

      Sono molto curioso. Scettico ma speranzoso.

      Rispondi
  2. Franco Simula

    Chi vincerà? Nessuno sa fra quanto; certamente ormai fra non molto, ma sarà l’uomo a vincere. E’ stato colto di sorpresa e dunque vuol farla pagar cara al Moloch di turno che si è permesso di combinare gli sfracelli che conosciamo. L’uomo nella sua superbia luciferina vincerà questa guerra, mostrerà con orgoglio i trofei della vittoria che gli si ritorceranno contro come un boomerang perché non avrà imparato niente dalla prima batosta pur recentissima. Continuerà a depredare il mondo, a trattarlo come una pattumiera a non averne rispetto. In questi due mesi lo smog era quasi azzerato: da domani riprenderà l’escalation di ammorbamento dell’aria. Per avidità e guadagni di pochi e detrimento di molti. Ma questo è l’uomo.

    Rispondi
    1. Kai Paulus

      Niente da aggiungere.

      Rispondi
  3. g.b.

    Il “quasi certamente…” che indica la vanagloriosa onnipotenza degli uomini, viene messo in discussione dal “forse …” per nascondere la verità di una “insaziabile voracità “.
    Dimenticare per non sentire la coscienza.
    Ignorare per giustificare il profitto predatorio.
    “Perversa metamorfosi”, perché la realtà venga confusa nella mistificazione.
    Unico status-moloch che appartiene all’uomo, l’effige stampata su una delle due facce della stessa moneta confuse nello stesso tragico progetto.
    Come vede, carissimo Dottor Paulus, siamo pienamente in sintonia e vorrei, come lei, tanto sbagliarmi.

    Rispondi
  4. Kai Paulus

    Un autentico diavolo, questo Moloch-19, nome preso a prestito dal nostro G.B. dalla mitologia medio-orientale ed utilizzato per sottolineare l’infingardaggine dell’attuale morbo. Superbo!
    Vinceranno, chi? Gli uomini? Noi?
    Non sono d’accordo, carissimo G.B., anziché affrontare uniti l’emergenza, non facciamo altro che litigare, ma non per divergenze di idee, ma per egoismi e sete di potere. No, carissimo G.B., sconfiggeremo, forse, questo virus (tanti altri stanno già dietro l’angolo e ci prenderanno alla sprovvista come moloch-19, con le linee guida del 2016 ignorate). Ma non ne usciremo come vincitori, come migliorati. Vorrei tanto sbagliarmi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close