Volare si Può, Sognare si Deve!

Libere divagazioni sul ritorno degli aquilotti di G.B.


LIBERE DIVAGAZIONI SUL RITORNO DEGLI AQUILOTTI DI G.B.

Un trillo di campanelli ci ricorda che la “musa del Teatro”, dopo averci
fatto spuntare le ali in un fantastico debutto, reclama a pieno titolo
una sollecita replica, cheLibere una lunga attesa tenderebbe ad
impigrire.
Così come a oriente il sole in un baleno imporpora la giornata
nascente, allo stesso modo le giovani ali ancora implumi, ma ormai
saldamente innervate nel dorso, si dispiegano in un subitaneo fremito,
librandosi nel cielo terso del mattino per guadagnare altezze siderali,
liberati dal famelico predatore che ci vorrebbe relegati nel degrado di
in una promiscuità senza tempo.
Si riprende a volare…, là in alto si perpetua il gioco magico che
caratterizza l’unicità della recita, e noi teatranti ci ritroviamo ai nostri
posti, pronti a inaugurare una nuova avventura.
Il linguaggio del corpo fa intendere che la determinazione è rimasta
intatta e siamo decisi a ripeterci, rafforzati, nella convinzione che la
nuova riorganizzazione scenica, più snella in alcune parti, voluta da
Franco Enna e la ridistribuzione dei ruoli, più consona ai personaggi,
gestita magistralmente da Dora, dovrebbero consentire una migliore
versione interpretativa.
Le prove si susseguono con le scadenze prestabilite, purtroppo ….non
sappiamo perché, non si riesce a trovare il giusto ritmo , manca
qualche cosa di impercettibile, difficile da individuare in una “quadra”
ancora in divenire.
Sospesi in questa fuggevole dicotomia, io e l’amico Franco Simula,
all’uscita della “lezione”, ci intratteniamo nel piazzale antistante la
scuola a dissertare benevolmente sulle difficolta che incontriamo in
questa nuova recita;
E’ una serata gelida, spazzata da un vento di tramontana che addensa
nubi minacciose livide di pioggia, che vorrebbero virtualmente
scaricarsi su una recita mal riuscita, che Franco, con sottile ironia,
trova nella similitudine con l’odiato Parkinson, una coercitiva
intromissione che scardina i tempi di recita precipitandoli nel
disordine.
Forse le troppe assenze nei ruoli importanti…. forse la mancanza di
suggestiva novità ……. forse ….. non sappiamo cosa !!!
A questo punto, in questo gioco di verbali allegorie, Franco si richiama
a un detto proverbiale pieno di significato, e lo esprime nell’efficace
dialetto: “ A MOSSU ‘E CANE PILU ‘E CANE” , come dire…. mi
spiega, rispondi colpo su colpo con rabbia e non farti mai sopraffare
dalla cattiva sorte, combatti strenuamente ogni avversità.
Sorprendente, con due parole riassume l’essenza della nostra
condizione !!!
Questo rimane il proposito prima di salutarci, combattere sempre e
comunque, così anche le successive recite ritroveranno il loro corso
naturale; augurio esteso a tutti gli associati e a quanti condividono i
nostri progetti, con buona pace “dell’innominato”
GB


3 Commenti

  1. Franco Simula

    In realtà abbiamo tutti un anno in più dello scorso giugno e vuoi per qualche acciacco di troppo che impone rinunce non messe in conto vuoi per mutamenti di soggiorno che hanno sbalestrato più d’uno da un punto all’altro della città o dell’hinterland i buoni propositi di ripartenza si sono visibilmente impigriti ( come quando il Parkinson, in un momento in cui credi di star bene e cammini speditamente, improvvisamente ti costringe a strisciare i piedi per terra senza poterli distaccare agevolmente dal suolo). A questo punto credo che, per essere concreti, dobbiamo indicare con precisione luoghi e date di rappresentazione e rispettare gli impegni a tutti i costi.In tal modo anche a Nuoro potremo presentare progetti concreti. Certamente ce la faremo.

    Rispondi
  2. Peppino Achene

    Carissimi amici niente paure, sono perfettamente d’accordo con voi per quanto riguarda il vento di tramontana, molto freddo si, ma non abbastanza per rinunciare agli avanposti della nostra difesa. “Onzi mossu è nemigu de su famine” (ogni boccone è nemico della fame). A stomaco pieno si soffre meno il freddo e aumenta la resistenza, sistemiamoci attorno a un palco e diamo inizio alle pietanze, l’appetito vien mangiando!

    Rispondi
  3. kai Paulus

    Carissimo G.B.,
    ancora una volta, con parole sublimi, riesce a portare l´attenzione su un argomento molto importante ed attuale della nostra Parkinson Sassari, questa volta la difficolta´a riprendere, a riniziare, descritto come metafora del nostro ´nemigu´. Sono molto fiducioso che la nuova edizione dello spettacolo con la sceneggiatura di Franco Enna superera´quella precedente. Forse, dopo tante attivita´ed esperienze, siamo arrivati ad un punto dove a volte diventa difficile poter apprezzare cio´che si e´fatto e che si sta facendo. Tra dieci giorni andiamo tutti a Nuoro a trovare i nostri amici della Associazione Parkinson Nuorese in occasione della Giornata Mondiale della Malattia di Parkinson. Per noi sara´una gita ante portam, il divertimento sara´garantito. Sono convinto che raccontando ai nostri amici cio´che stiamo combinando a Sassari loro resteranno di stucco e noi ci renderemo conto del valore del nostro gruppo; questa consapevolezza ci dara´nuovo slancio e motivazione di cui G.B. e Franco Simula, e tutti noi, potranno essere fieri.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close