Volare si Può, Sognare si Deve!

“La tenerezza è la forza più umile; eppure è la più potente per cambiare il mondo”.

Sicuramente è questo il sentimento che muove e rende salda la vostra Associazione, come abbiamo potuto vedere durante il pranzo di saluto in occasione del Santo Natale del 2014, festa, gioia, canti, poesia erano all’ordine del giorno.

Una gioia segnata dalla sofferenza che da voi viene vissuta con molta dignità, certamente crediamo che non manchino i momenti difficili, ma il Signore Nostro Gesù Cristo è sempre presente e vi accompagnerà sempre, a voi tocca la responsabilità di vivere questa sofferenza come un dono Dio, che vi ha scelto per collaborare, alla sua opera di redenzione del mondo, non dimenticando mai, che Cristo ci ha assicurato: ”Ecco, io sono con voi tutti i giorni sino alla fine del mondo”.

E’ la speranza il motore della vita e in merito vi lasciamo questo piccolo racconto:

In una stanza silenziosa c’erano quattro candele accese. La prima si lamentava:” io la sono la pace, ma gli uomini preferiscono la guerra. Non mi resta che lasciarmi spegnere”. E cosi accade. La seconda disse: “io sono la fede, ma gli uomini preferiscono le favole. Non mi resta che lasciarmi spegnere.” E così accade. La terza candela confessò: ”io sono l’amore, ma gli uomini sono cattivi e incapaci di amare. Non mi resta che lasciarmi spegnere”. All’improvviso nella stanza comparve un bambino, che, piangendo, disse: ”ho paura del buio”. Allora la quarta candela disse: “non piangere. Io resto accesa e ti permetterò di riaccendere con la mia luce le altre candele. Io sono la speranza.

Questa luce deve illuminare perennemente il vostro cammino e la vostra umile testimonianza anche nelle difficoltà e nei momenti oscuri, perché Cristo è la nostra speranza.

Che Dio vi benedica sempre e vi dona la sua gioia e la sua pace.

Tissi, 14 ottobre 2015

Le Sorelle della colonia San Pietro, località “Monte e sa Tanca”.

3 Commenti

  1. FAEDDA PIERO

    Sono le 21,30 di un giovedi’ Giornata lunga per me con i pensieri che mi attanagliano,uno in particolare
    “il rispetto” Perchè è cosi difficile ? Perchè questo nostro cervello a volte è cosi stupido ? Non si può
    perdere un ‘amicizia per cosi poco ,quale sia il motivo che si abbia torto o ragione “il rispetto” ti aiuta
    sempre.Come hanno detto le sorelle di Tissi amiche di Peppino:La tenerezza è la forza piu’ potente per cambiare il mondo,il rispetto non è da meno. ciao a tutti Piero.

    Rispondi
  2. kaipaulus

    E che la quarta candela non si spenga mai.

    Rispondi
  3. liella

    Vi ringrazio per il vostro intervento, ricordo ancora con molto piacere la giornata passata da Voi, c’era serenità, e voglia di stare insieme , ecco, questa è l’Associazione, senza i limiti della malattia, le vostre bellissime parole e il vostro racconto lo considero un dono, fatto nel momento giusto. Penso sempre che niente capita per caso, arrivederci, spero presto.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close