Volare si Può, Sognare si Deve!

Custa est s’istoria de Peppinu Achene – Questa é la storia di Peppino Achene


Sessantanoe annos, de Tissi,
trintatres annos in-d-unu repasthu 'e su petrolchimicu c'hapo passadu
in ambiente nocivu e a su massimu inquinadu,
inie sa salude c'hapo lassadu.
Cashchi annu primu chi in pensione devia andare
s'azienda hat devidu de su repartu sa calidade e-i- s'operatividade qualificare
a unu cursu de calidade nos hat fattu andare.
Tennidu da-i tecnicos titulados chi da-i fora han fattu arrivare,
sos cales nos hant imparadu comente bene devimis oberare.
Tottu in su pabilu fit bene ispiegadu,
a sa fine in campu sas conditziones de oberare pagu aiant cambiadu.
A chie su corso aiat frequentadu
s'azienda unu premiu l'aiat assignadu:
una medaglia 'e oro cun-d-una Q istampada
pro aer sa calidade agguantada.
Deo custu premiu no l'hapo mai ritiradu.
Pensende chi su direttore pro mi giustificare m'aeret giamadu,
nudda de custhu s'est verificadu.
Una die chi su cabu repartu hapo incontradu
l'hapo domandadu:” Ite fine hat fattu su premiu chi deo no hapo ritiradu”?
Mi rispondet :
“In fundu a su calasciu de s'iscrivania mia ch'est restadu”.
Pius cunvintu de prima hapo pensadu:
“Un'atera ostha s'azienda in giru m'hat leadu”.
Sempre a cuntattu cun su benzene so istadu
custhu velenu no m'hat pesdhonadu
e mister Parkinson m'hat affibbiadu.
In cunflittu cun s'INAIL so intradu
pro mi riconnoschere su male chi su tribagliu m'hat lassadu.
Si no agato caschunu a m'aggiuare
puru sas ispesas mi faghen pagare.
Deo a mister Parkinson de mi lu fagher amigu hapo pensadu
e a sa brazzetta mi l'hapo leadu,
ogni tantu si devet lamentare
e tando pro lu fagher bene istare
sa razione 'e su “bon bon” li devo aumentare.
Farmacos chi dottor Paulus m'hat cossitzadu 'e li dare
pro bi poder vivere pius a longu possibile senza brigare.
Mancu a mie Mister Parkinson hat rispettadu,
sas mezzus cosas ch'aia mi ch'hat leadu (equilibriu,fotza,allegria e salude)
e-i- su tremulone m'hat lassadu.
A cando mi nde so abbizadu
issu de me si fidi impossessadu.
Como bos racconto comente s'est presentadu.
Una die in campagna,finidu 'e bona lena 'e tribagliare,
m'abbizo chi su brazzu drestu no resessia a cumandare
e li naro:”It'est chi hasa chi da-i- su fiancu no ti cheres iposthare”?
gai hapo comintzadu caschunu a chischare.
Andadu so da-i- unu parente a mi lamentare,
subitu hat cumpresu de ite si podiat trattare
e mi rispondet :” Est Vanna chi ti devet visitare”.
Vanna appena m'hat visitadu
in faccia calchi cosa l'hapo notadu
senza nisciuna titubantzia
mi narat:” Est Antoni chi ti devet fagher una “risonanza”.
Subitu s'accordu amus leadu
a fagher sa “risonanza” so andadu.
De s'inconveniente m'hant informadu.
Ogadu mi nd'hant sa estimenta mia
e addossu unu camice mi che ponia.
Una ostha sistemadu,
intro 'e unu tunnel mi c'hant zaccadu
no mi piaghet de ammentare su chi hapo intesu e passadu!
Rumores de ogni calidade:
canes baulende,
caddos in s'asfaltu trottende,
trenos a totta velocidade currende,
aereos bombasdhende,
sa contraerea isparende,
tottu in giru tremende,
e-i s'ira 'e Deus in terra falende.
Finida sa proa ando a mi nde pesare
sonadu comente una campana
no ischia a cale pasthe mi dare.
S'infermieri chi mi fit assistende
cando m'hat bidu tambulende,
a da-i nanti si faghiat nende:
“Sezzasi inoghe chi su duttore est benzende”
Su duttore Antoni arrivat mesu seriu e nudda riende
nendemi:” No ti preoccupes Peppinu su problema l'affrontamus fatzilmente
a su professor Sechi unu piaghere devo dimandare
s'est possibile ch'issu ti potat visitare.
Li ripondo:” Su chi faghes tue andat bene, no lu poto negare”.
Su professore subitu un appuntamentu mi hat fissadu.
Daghi fia adainanti de custu luminare hat incominzadu a mi interrogare.
Chie ses, ite mestiere faghes pro campare.
Tottu l'hapo raccontadu:“Oe so pensionadu ma ogni die a campagna devo andare pro caschi cosa contivizare.
Prima trintatres annos de turnu in su petrolchimicu
appo fattu pro poder sa vida affrontare.
Sempre a cuntattu cun benzene e derivados so devidu istare;
tottu hapo fattu da-i su manovale a su caporale
incurante chi sa salude mi podiat minare.
Est inutile raccontare
chi meda bostas seighi oras sa die a cuntattu cun custhu velenu devia isthare
cun pagos mezzos pro mi poder riparare.
Su professore tottu cun attintzione hat ischusthadu.
Tottu sos esames chi l'hapo giuttu hat controlladu
“Corchessi incue”, poi m'hat nadu.
E subitu m'hat visitadu.
Cun sa conca isconculende m'hat naradu:
“Inoghe no c'hat ite isbagliare,
su Parkinson s'hat leadu”.
Pro unu pagu 'e tempus m'hat curadu
e in pasthe 'ene so isthadu.
Poi una bella die m'hat nadu:
“Su compitu meu cun vostè est usthimadu”.
Inutile negare: bene no bi so istadu.
Su professore de custhu sind'est abbitzadu.
Mi narat:”A un atteru duttore bravu pius de me lu devo affidare”.
Lu ringrazio immensamente e cun riconnoschentzia
pro tottu su chi m'hat dadu
e cun tristesa l'hapo saludadu.
Cando mi che fia andende sa manu in pala m'hat appoggiadu e mi narat pro m'incoraggiare:
“Hat a bider chi continuat bene a istare”!
Oe a distantzia de annos no intames de tottu si continuat a trampisthare
in autonomia senza sos ateros disthubare.
Si riprendet torra a cabidanni
Su duttore Paulus già l'ishchid'issu comente lu trattare.

Peppinu Achene
Sessantanove anni, di Tissi.
Ho trascorso trentatre anni in un reparto del Petrolchimico
in un ambiente nocivo e inquinato al massimo
lì ci ho lasciato la salute.
Qualche anno prima di andare in pensione
l'azienda ha dovuto qualificare la qualità e l'operatività del reparto
e ci ha fatto partecipare a un corso di qualità.
Tenuto da tecnici titolati, che avevano fatto arrivare dall'esterno,
i quali ci hanno insegnato come -bene- dovevamo operare.
Sulla carta tutto era ben spiegato,
ma in conclusione le condizioni di operare sul campo di poco erano cambiate.
A chi aveva frequentato il corso
l'azienda aveva assegnato un premio:
una medaglia d'oro con una Q stampata
per aver conseguito la qualità.
Io questo premio non l'ho mai ritirato.
Pensavo che il direttore mi chiamasse per giustificarmi
ma di tutto ciò non si è verificato niente.
Un giorno che ho incontrato il capo reparto gli ho chiesto:
“Che fine ha fatto il premio che io non ho ritirato”?
Mi risponde:”E' rimasto in fondo al cassetto della mia scrivania”.
Più convinto che mai ho pensato:
“Ancora una volta l'azienda mi ha preso in giro”.
Sono rimasto sempre a contatto col benzene
e questo veleno non mi ha perdonato
ma mister Parkinson mi ha affibiato.
Sono entrato in conflitto con l'INAIL
perché mi si riconoscesse il male che mi aveva procurato il lavoro.
Se non trovo qualcuno che mi aiuta
mi faranno pagare anche le spese.
Io, intanto, ho pensato di farmi amico mister Parkinson
e me lo son preso a braccetto,
ogni tanto si deve lamentare
e allora per farlo star bene
gli devo aumentare la razione del “bon bon”.
Farmaci che il dottor Paulus mi ha consigliato di dargli
per poterci vivere il più a lungo possibile senza litigare.
Mister Parkinson non ha rispettato neppure me
mi ha preso le cose migliori che avevo (equilibrio,forza,allegria e salute)
e mi ha lasciato il tremore.
Quando me ne sono accorto
lui si era già impossessato di me.
Adesso vi racconto come si è presentato.
Un giorno, in campagna, dopo aver finito di lavorare di buona lena
mi accorgo di non riuscire più a comandare il braccio destro
e gli dico:”Che cos'hai che non ti vuoi spostare dal fianco”?
E così ho cominciato a cercare qualcuno.
Sono andato da un parente a lamentarmi,
subito ha capito di che cosa poteva trattarsi
e mi risponde:” E' Vanna che ti deve visitare.
Vanna appena mi ha visitato
le ho notato in viso qualche sospetto
senza alcuna titubanza mi dice:
“ E' Antonio che ti deve fare una “risonanza”.
Immediatamente abbiamo concordato
e sono andato a fare la “risonanza”.
Mi hanno informato dell'inconveniente.
Mi hanno fatto togliere i miei abiti
e addosso mi hanno infilato un camice.
Appena sistemato
mi hanno infilato dentro un tunnel:
non mi piace ricordare ciò che ho passato e sentito!
Rumori di ogni tipo:
cani che abbaiavano,
cavalli che trottavano sull'asfalto,
aerei che bombardavano,
la contraerea che sparava,
tutto che tremava intorno,
e l'ira di Dio che scendeva sulla terra.
Concluso l'esame provo ad alzarmi:
suonato come una campana
non sapevo da che parte darmi.
L'infermiere che mi assisteva
quando mi ha visto vacillare
mi si para dinnanzi dicendo:
“ Si sieda qua che sta arrivando il dottore”.
Il dottor Antonio arriva mezzo serio, e per niente ridendo mi dice:
“ Peppino non preoccuparti,il problema lo affrontiamo facilmente
dovrò domandare un favore al professor Sechi
se è possibile che Lui possa visitarti.
Gli rispondo:”Ciò che fai tu va bene non posso negarlo” Il professore mi ha fissato subito un appuntamento.
Quando mi trovai di fronte a questo luminare lui ha cominciato a interrogarmi.
Chi sei, che mestiere fai per campare.
Tutto gli ho raccontato:” Oggi sono un pensionato
ma ogni giorno devo andare in campagna per coltivare qualche cosa.
Prima ho fatto trentatre anni di turni al Petrolchimico
per poter sopravvivere.
Son dovuto rimanere sempre a contatto col benzene e i suoi derivati;
ho fatto tutto: dal manovale al caporale.
Incurante che tutto ciò potesse minare la mia salute.
E' inutile raccontare che molte volte
son dovuto rimanere a contatto con questo veleno per sedici ore
con pochi mezzi a disposizione per potermi riparare.
Il professore ha ascoltato tutto con attenzione
ha controllato tutti gli esami che gli ho portato
e poi mi ha detto :” Si corichi lì”.
E subito mi ha visitato.
Scuotendo il capo mi ha detto:
“ Qui non c'è da sbagliarsi, lei si è preso il Parkinson”.
Per un po' di tempo mi ha curato lui stesso
e in parte sono stato bene.
Poi un bel giorno mi ha detto:
“ Il mio compito con lei è terminato”.
Inutile negarlo: non ci son rimasto bene:
Il professore si è accorto di ciò.
Mi dice:”La voglio affidare a un medico più bravo di me”.
Lo ringrazio immensamente e con riconoscenza
per tutto ciò che mi ha dato e con tristezza l'ho salutato
Quando stavo andando via appoggiandomi una mano sulla spalla
mi dice per incoraggiarmi:
“Vedrà che continuerà a star bene”!
Oggi, a distanza di anni, nonostante tutto
si continua a sopravvivere in autonomia senza disturbare gli altri.
Si riprende di nuovo a settembre.
Il dottor Paulus sa già Lui come trattarla.

 

 

 

 

 

 

 

1 Commento

  1. kaipaulus

    Ottimo lavoro. anche qui finalmente la traduzione. La lettura sarà facilitata per chi non conosce bene il sardo, come me…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close